Grattugia elettrica, come usarla e quando

Quando usare una grattugia elettrica, anziché manuale, e come? Non si può dire in assoluto, anche perché sono le circostanze sul momento a richiederlo, inoltre si tratta di una scelta lasciata al libero arbitrio del soggetto, che non sottende a regole standard. In genere, si usa la grattugia elettrica nelle situazioni in cui c’è necessità di grossi quantitativi di prodotto grattato, che sia formaggio, pane o altro. Ciò avviene, in genere, non tanto in ambito domestico dove, comunque, anche in presenza di famiglie numerose, le quantità sono limitate, ma nei ristoranti, alle sagre o nelle cerimonie, che richiedono una disponibilità maggiore di alimenti grattugiati in tempi rapidi e, per così dire, a getto continuo. In quel caso, non si può prescindere dall’utilizzo di grattugie elettriche.

In alternativa, la grattugia elettrica entra in cucina non tanto per garantire quantità superiori in poco tempo, ma perché magari in casa è presente qualcuno che può trovare difficoltà a grattare a mano, come nel caso di persone anziane o con poca forza, difficoltà prensili o manuali. In tal caso la grattugia elettrica è una soluzione valida e rapida, che potrà garantire un prodotto grattato di fresco semplicemente premendo un pulsante e risparmiando la fatica di una vigorosa grattugiata manuale. Se, poi, si ha timore di veder lievitare i costi in bolletta, non sarà certo colpa della grattugia, i cui consumi sono limitati e quasi irrilevanti. Ma come funziona, di preciso, una grattugia elettrica?

Se si parla di grattugie dotate di contenitore, il funzionamento è dei più semplici. Basterà sollevare la tramoggia, inserire il formaggio, riabbassarla e azionare la grattugia premendo lo start. Si attiverà, così, il rullo che girando grattugia gli ingredienti, non solo formaggio. Il prodotto grattato va poi a  finire nella vaschetta, qualora presente, o direttamente sul piatto. Se non sapete cosa regalare per le feste alla mamma o a un’amica, la grattugia elettrica può essere una bella idea, costa poco e oltre ad essere decorativa nelle tinte più accese, piacevole anche a vista, è uno degli accessori più utili in cucina, dove spuntano come funghi apparecchi e utensili sempre nuovi e versatili.